Una cucina supertecnologica

Oggi vogliamo raccontarvi un’esperienza davvero spettacolare che abbiamo vissuto all’interno di “Frigo 2000” con la collaborazione del Cucchiaio d’Argento e dello Chef Stefano Caffari.
Siamo stati invitati nel paradiso di ogni foodlover per creare ricette semplici e sfiziose, attraverso l’utilizzo di attrezzature da cucina ipertecnologiche.
Ci troviamo da “High Performance Kitchet Frigo 2000”, a Cinisello Balsamo, distributore da 30 anni di apparecchi elettrodomestici della Mabe Ge Appliances.

Leader nella commercializzazione di figoriferi, congelatori e cantine (SUB-ZERO) definiti come i più belli al mondo, da pochi anni è iniziata anche la distribuzione di tutte le line di elettrodomestici V-ZUG e BORA dedicati alla cottura dei cibi (piani cottura, forni, cucine, cappe aspiranti).
E’ stupefacente come la tecnologia applicata a questi elettrodomestici faciliti il modo di cucinare e sperimentare nuove modalità di cottura.
Abbiamo utilizzato forni con cottura a vapore V-ZUG su diversi livelli, sonde per gestire autonomamente le cotture e ancora abbiamo preparato il pane, sperimentando la cottura a freddo; la cottura della pizza attraverso l’utilizzo della pietra e infine abbiamo utilizzato piani ad induzione con predisposizione per wok di BORA …F I G H I S S I M I
Ecco il menù della serata preparto insieme allo chef con questi fantastici forni dalle mille funzioni e sorprese.
– Pane a 5 ceriali
– Pizza
– Spaghetti alla barbabietola con crema di gornonzola
– Pollo marinato con la soya, cotto sottovuoto e accompagnato da riso basmati
– Bistecca cotta direttamente nel forno
– Cassata destruttrata

Siamo rimasti quasi tutta la serata a bocca aperta, tanto da aver chiesto al titolare di poterci trasferire in questo splendido showroom.
Sarebbe fantastico poter lavorare tutti i giorni con queste attrezzature e chissà magari poterle utilizzare per la nostra rubrica #acenacolblogger sperimentando tutte le volte nuovi metodi di cottura.

cucchiaio d'argento image image image image image image

image

image

image image image image

image image

 

image image image image image image image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *